0 voti
in Civile da
Buonasera Colleghi,
ho una domanda che per molti di voi risulterà certamente banale ma non lo è per chi, come me, ha da poco iniziato la professione e non ha nessuno con cui confrontarsi.

La Legge 53/1994 (notifiche in proprio) prevede la facoltà per gli avvocati di notificare in proprio gli atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale. Scontata l'applicabilità per quanto riguarda la notificazione degli atti giudiziari, sul fatto che la legge 53/1994 includa anche la categoria degli atti stragiudiziali mi è sorto però un dubbio: se ad es. volessi inoltrare una semplice diffida ad adempiere con contestuale messa in mora (atto stragiudiziale per eccellenza), dovrei necessariamente applicare le prescrizioni della Legge 53/1994? La legge parla chiaramente di "facoltà", ma essendo alle prime armi vorrei essere sicuro di non fare errori, visto che la legge commina la sanzione della nullità.
Mi spiego meglio: l'applicazione della Legge 53/1994 comporta vari adempimenti, primo tra tutti l'utilizzo delle "speciali buste e moduli per avviso di ricevimento conformi al modello prestabilito dall'Amministrazione postale per la notificazione a mezzo posta" (quelle verdi, per intenderci) in luogo della semplice raccomandata A/R. Inoltre, dalla lettura della legge 53/1994, sembrerebbe che anche per una semplice diffida dovrei essere tenuto a farmi rilasciare procura comprendente la fase stragiudiziale, predisporre e sottoscrivere la relata ed, infine, annotare la notifica nel registro cronologico. Fino ad oggi non mi ero mai posto la questione avendo sempre utilizzato la PEC (che non pone problematiche particolari rispetto alla tipologia di busta da utilizzare e non è soggetta ad annotazione nel registro), ma ora che devo recarmi all'ufficio postale vengo assalito da mille dubbi! In ottica di semplificazione e raggiungimento dello scopo sarei tentato di inviare una semplice raccomandata A/R con lettera su carta intestata sottoscritta da me e controfirmata per ratifica da parte del mio cliente (senza curarmi di procura, relata ed annotazione sul registro)... Sbaglio qualcosa? Qual'è la migliore prassi da seguire?

Ringrazio chi vorrà rispondermi e DirittoPratico.it per questo utilissimo forum!

1 Risposta

0 voti
da
Io non mi complicherei la vita. In quindici anni di attività non ho ricordo di aver mai formalizzato con una notifica l'invio di una diffida/messa in mora. La notifica in proprio è uno strumento utilissimo da usare sempre quando possibile eseguirla a mezzo PEC e in tutti i casi in cui sarebbe competente l'UNEP di un Foro diverso dal proprio (questo per evitare trasferte o doversi avvalere di un domiciliatario). Ma per tutti gli atti stragiudiziali per i quali non è richiesta la formalità della notifica, meglio una semplice raccomandata a/r.

Inoltre la notifica in proprio di una diffida stragiudiziale non aggiungerebbe nulla alla semplice raccomandata. In certe situazioni può essere utile affidarsi all'UG se vi sia l'interesse ad esempio a far risultare il motivo di una mancata notifica da quello che l'UG attesterà in relata.

Tuttavia mi viene da fare una considerazione ulteriore. E' giusto tutto quello che scrivi, per eseguire correttamente la notifica in proprio postale devi avere la procura, buste, cartoline, registro vidimato e saper eseguire tutte le annotazione ecc. ecc. Ecco, da questo punto di vista, per trovarti pronto la prima volta che dovrai effettivamente notificare in proprio un atto giudiziale, potrebbe essere utile aver svolto un po' di palestra e magari aver già precedentemente fatto qualche notifica di diffide potrebbe risultare di aiuto senza correre particolari rischi.
da
Qualcuno ha mai messo la marca da bollo sulle notifiche in proprio postali? E detta omissione ha qualche conseguenza relativamente alla validità della notifica? Il registro deve ancora essere vidimato dall'Ordine? Mi sembrava che non ce ne fosse più bisogno ma non sono affatto sicura
da
Grazie mille per la risposta. Seguirò il consiglio ed effettuerò qualche notifica giusto per fare un pò di pratica con il registro!
Saluti
Benvenuto su dpForum, la nuova piazza di Diritto Pratico - online dal novembre 2022 - dove porre i tuoi quesiti e ricevere risposte da altri membri della community!
🍪
dpForum utilizza esclusivamente cookies c.d. "tecnici" (indispensabili al funzionamento del sito) per i quali non è necessaria l'acquisizione del consenso al loro utilizzo. Tali cookies non hanno lo scopo di tracciare l'utente nelle sue azioni con finalità di profilazione, marketing o statistica. Per questa ragione non vedi fastidiosi POP-UP che ti richiedono di fornire il consenso al loro salvataggio!
giurisprudenza civile apps! avvocati fatturaPA-PRofessionisti fpa workbench note di udienza

46 domande

59 risposte

36 commenti

5 utenti

...