0 voti
113 visite
in Civile da
Per la Cassazione la raccomandata non ricevuta dal destinatario e riconsegnata per compita giacenza ha comunque efficacia interruttiva della prescrizione. Mi chiedo allora per quale ragione, l'invio di una PEC non consegnata solo perché il destinatario, forse in mala fede, la mantiene piena così da non poter ricevere messaggi, non dovrebbe avere la stessa efficacia. E' situazione diversa dal mancato recapito per inesistenza dell'indirizzo del destinatario e sappiamo bene cosa accade alle notifiche fatte a noi avvocati se disgraziatamente lo spazio in casella è esaurito. Siete a conoscenza di giurisprudenza sulla questione?

Sai rispondere? Dai il tuo contributo!

N.B.: non inserire informazioni personali o contenuti inappropriati che verrebbero prontamente rimossi.
Il nome che vuoi visualizzare (opzionale):
Il tuo indirizzo email sarà utilizzato esclusivamente per notificarti gli avvisi generati automaticamente dalla piattaforma. Non sarà condiviso con nessuno e men che mai ceduto a terzi!
Benvenuto su dpForum, la nuova piazza di Diritto Pratico dove porre i tuoi quesiti e ricevere risposte da altri membri della community senza necessità di registrarsi o di dire chi sei!
🍪
dpForum utilizza esclusivamente cookies c.d. "tecnici" (indispensabili al funzionamento del sito) per i quali non è necessaria l'acquisizione del consenso al loro utilizzo. Tali cookies non hanno lo scopo di tracciare l'utente nelle sue azioni con finalità di profilazione, marketing o statistica. Per questa ragione non vedi fastidiosi POP-UP che ti richiedono di fornire il consenso al loro salvataggio!
giurisprudenza civile apps! avvocati fatturaPA-PRofessionisti fpa workbench note di udienza
...