+1 voto
1,801 visite
in Processo Civile Telematico da
Cliente società riceve notifica decreto ingiuntivo non sulla pec che risulta sul registro imprese e inipec, ma su altra pec uso interno con la quale aveva intrattenuto la corrispondenza con il creditore. Questo, evidentemente senza controllare, ha notificato il decreto ingiuntivo a quella pec.

La notifica secondo voi è inesistente o nulla? Il creditore potrebbe sostenere che è stato comunque raggiunto lo scopo facendosi forte del fatto che il cliente ha risposto alla pec contenente la notifica e provando così di aver ricevuto il decreto ingiuntivo?

Personalmente sarei propenso a opporre nei termini come se la notifica fosse regolare.

2 Risposte

0 voti
da
per certo, se proponi opposizione in termini, sani l'invalidità (scopo notifica raggiunto).

cercando alcune pronunce di legittimità, ho trovato Cass. Civ. 287/2019 che ritiene la notifica soltanto nulla e non inesistente.

ragionando, credo che prima o dopo si arriverà ad una parificazione totale con quanto avviene per le notifiche non telematiche, ambito nel quale ormai la Cassazione ha sdoganato qualsiasi tipo di notifica o quasi, purchè abbia raggiunto lo scopo (penso ad esempio alla nota pronuncia sulla validità della notifica a mani in luogo diverso da quelli previsti dalla normativa di riferimento del cpc).

infatti l'indirizzo PEC, iscritto o meno in pubblici registri (o tali considerati), differisce dalla mail ordinaria proprio per il grado di certezza della persona titolare. Tale certezza prescinde dall'inserimento dell'indirizzo nel Reginde o su Ini-pec o su IPA, ecc (provate a creare una PEC senza certificare le vostre generalità.. non ci riuscirete).

quindi, prima o dopo, anche le notifiche PEC ad indirizzi (sempre PEC) non risultanti dai pubblici registri, verranno considerate valide per raggiungimento dello scopo.

Al di là di ogni cavillo di legge, è puro buon senso.
da
Grazie della risposta. Infatti per essere prudente vorrei opporre nei termini a decorrere dalla notifica irregolare che in questo modo sanerei. Ma ritengo più rischioso non opporre per fare poi cosa? Un'opposizione all'esecuzione? Una declaratoria di inefficacia ai sensi del 188 disp.att.? Se oppongo nei termini probabilmente non avrà neppure significato eccepire la nullità della notifica perchè non avrebbe alcun effetto. E' anche vero che così facendo tante regole tecniche perderanno di qualsiasi valenza effettiva
0 voti
da
La notifica via pec effettuata presso un indirizzo pec non iscritto nei pubblici registri è inesistente, non nulla.

La costituzione in giudizio per proporre tale eccezione non sanerebbe il vizio.
da
Hai un riferimento giurisprudenziale a sostegno? Perchè io avevo trovato che solo di nullità si tratta
da
MA COSA INTENDE PER "NON ISCRITTO NEI PUBBLICI REGISTRI"?
SUL CAMERALE HA VALIDITA'?
Benvenuto su dpForum, la nuova piazza di Diritto Pratico dove porre i tuoi quesiti e ricevere risposte da altri membri della community in modo completamente anonimo, senza necessità di registrazione, senza banner pubblicitari! Fare rete si può ed aiuta a lavorare meglio!
🍪
dpForum utilizza esclusivamente cookies c.d. "tecnici" (indispensabili al funzionamento del sito) per i quali non è necessaria l'acquisizione del consenso al loro utilizzo. Tali cookies non hanno lo scopo di tracciare l'utente nelle sue azioni con finalità di profilazione, marketing o statistica. Per questa ragione non vedi fastidiosi POP-UP che ti richiedono di fornire il consenso al loro salvataggio!
giurisprudenza civile apps! avvocati fatturaPA-PRofessionisti fpa workbench note di udienza
...