Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

Replica topic: Identificativo Univoco del Giorno: un'idea per attribuire data "esatta" ad un qualsiasi documento digitale o digitalizzato

Nome
Oggetto
Codice Forum
B) :( :) :cheer: ;) :P :angry: :unsure: :ohmy: :huh: :dry: :lol: :sick: :silly: :blink: :blush: :oops: :kiss: :woohoo: :side: :S :evil: :whistle: :pinch:
Messaggio
Estendi /  Riduci

Storico discussione su: Identificativo Univoco del Giorno: un'idea per attribuire data "esatta" ad un qualsiasi documento digitale o digitalizzato

Sondaggio: rimuovi opzione 6 messaggi - (Ultimo messaggio per primo)
8 Mesi 2 Settimane fa #3188

Anonimo

Avatar di

Interessante soluzione, potrebbe tornare utile se utilizzato durante la redazione di un testamento olografo se il testatore avesse già lasciato precedenti schede testamentarie
8 Mesi 2 Settimane fa #3187

Claudio

Avatar di Claudio

iug

Esattamente un anno fa nasceva il Registro Pubblico delle Impronte Informatiche uno strumento sperimentale offerto gratuitamente da Diritto Pratico pensato per fornire un elemento di prova circa la data di formazione di uno specifico file. L'obiettivo, ora come allora, è poter affermare che un documento la cui impronta risulti annotata nel registro è necessariamente stato formato in data anteriore a quella di annotazione.

Ogni mese il registro viene “chiuso”, marcato temporalmente e la sua impronta, a sua volta, annotata nel registro del mese successivo. I registri sono pubblici, consultabili via web, scaricabili in formato pdf e csv, indicizzati dai motori di ricerca e “catturati” da servizi di “internet preservation” quali Wayback Machine e archive.is. Qualsiasi documento la cui impronta risulti annotata in un registro è stato formato necessariamente in data antecedente a quella certificata dalla marca temporale e plausibilmente prima di quella di annotazione. Nulla peraltro esclude che l’utente, secondo necessità, possa scaricare e marcare autonomamente un registro subito dopo aver annotato le impronte di interesse senza attendere la fine del mese.

Il Registro Pubblico delle Impronte informatiche consente dunque di conferire una data certa del tipo “non dopo il” a qualsiasi documento digitale o digitalizzato. Ma se ciò non fosse ancora sufficiente? Se avessi la necessità di provare che un particolare documento (come ad esempio una rappresentazione fotografica dello stato dei luoghi) è stato formato esattamente in una certa data?

Leggi tutto...
Tempo creazione pagina: 0.104 secondi
Powered by Forum Kunena