Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: consiglio patteggiamento furto

consiglio patteggiamento furto 2 Anni 5 Mesi fa #2496

  • Anonimo
  • Avatar di Anonimo
Ciao a tutti,
vorrei il parere/consiglio di qualche collega penalista.
Faccio principalemte civile ed essendo iscritta nelle liste delle difese di ufficio di penale faccio anche qualche causa penale imparando sul campo e chiedendo consigli ai colleghi.
Mi è capitato di recente un cliente accusato di furto di energia elettrica mediante manomissione del contatore (allaccio diretto). Articoli contestati sono 614 e 615, n.2, c.p. il fatto commesso nel luglio 2010. Ora io vorrei fare il patteggiamento considerato che il contatore è relatvo all'abitazione del tizio e che lui ha 60 anni e già lavora quindi escluderei la messa alla prova.
Mi rimane il dubbio del rito abbreviato ma in realtà a sua difesa ritengo che c'è poco da dire. L'unica cosa positiva che risulta dalle carte processuali è che non ha fatto ammissioni di colpa anche se in realtà lui dice di avere ammesso il fatto (cosa che non risulta agli atti), inoltre è incensurato.
Voi che dite, il patteggiamento è la scelta più giusta? e comunque che ne pensate.
Grazie

non consiglio patteggiamento furto 2 Anni 2 Mesi fa #2661

  • dani.vi15
  • Avatar di dani.vi15
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Giurista
  • Messaggi: 18
  • Karma: 0
Art. 614 Codice Penale. Violazione di domicilio



Chiunque s'introduce nell'abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s'introduce clandestinamente o con inganno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni [c.p. 29]

Alla stessa pena soggiace chi si trattiene nei detti luoghi contro l'espressa volontà di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi si trattiene clandestinamente o con inganno.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa [c.p. 120; c.p.p. 336].


Art. 615 bis Codice Penale. Interferenze illecite nella vita privata.

615-bis. Interferenze illecite nella vita privata.

Chiunque mediante l'uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata svolgentesi nei luoghi indicati nell'articolo 614, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni.

Alla stessa pena soggiace, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chi rivela o diffonde, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, le notizie o le immagini ottenute nei modi indicati nella prima parte di questo articolo.

questa è anche sottintesa al predetto articolo la violazione della privacy di cui all'art. 167 de DgL 30 dicembre 2003 n 196.


per cui il patteggiamento per furto non è da prendere in considerazione in quanto la parte lesa c'è un'elevata probabilità che rifiuterebbe tale procedimento, quindi io opto/consiglio per il rito abbreviato




cordiali saluti
Giurista :

Daniel Viennese

(firma digitale ai sensi del D.lgs n. 83/2005)
Ultima modifica: 2 Anni 2 Mesi fa da dani.vi15.
Tempo creazione pagina: 0.091 secondi
Powered by Forum Kunena