Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
feed-image Il Blog "aperto" scritto dai suoi lettori...

Ancora sulla questione POS: perchè non averlo comunque optando per una soluzione senza costi fissi?

Pubblicato Sabato, 19 Luglio 2014 da Claudio De Stasio    Categoria: Hardware e dispositivi    Visite: 4166
Voti ricevuti:  / 8

Chip&PINSulla presunta “obbligatorietà” per i professionisti di dotarsi di dispositivo POS si è detto e sentito di tutto.

Con circolare 20 maggio 2014 il Consiglio Nazionale Forense ha chiarito che l’art. 15 comma 4 del DL 179-2012 (decreto sviluppo bis), “… non stabilisce affatto che tutti i professionisti debbano dotarsi di POS, né che tutti i pagamenti indirizzati agli avvocati dovranno essere effettuati in questo modo a partire dalla data indicata, ma solo che, nel caso il cliente voglia pagare con una carta di debito, il professionista sia tenuto ad accettare tale forma di pagamento. In altre parole, salvi i limiti vigenti nell’ordinamento (perché previsti da altre fonti; si pensi ad esempio al divieto di pagamento in contanti oltre la soglia di mille euro, previsto dalla normativa antiriciclaggio, espressamente richiamata dalla disposizione in commento; cfr. art. 49 D.Lgs. 231/2007), la volontà della parti del contratto d’opera professionale (cliente ed avvocato) resta ancora il riferimento principale per la individuazione delle forme di pagamento. Ad esempio, i clienti che sono soliti effettuare i pagamenti tramite assegno o bonifico bancario potranno continuare a farlo. A ben vedere, dunque, la disposizione in parola introduce un onere, piuttosto che un obbligo giuridico, ed il suo campo di applicazione è necessariamente limitato ai casi nei quali saranno i clienti a richiedere all’avvocato di potersi liberare dall’obbligazione pecuniaria a proprio carico per il tramite di carta di debito. Ipotesi che, considerate le prassi in uso nei fori, per molti colleghi potrebbe anche non verificarsi mai. In ogni caso, qualora il cliente dovesse effettivamente richiedere di effettuare il pagamento tramite carta di debito, e l’avvocato ne fosse sprovvisto, si determinerebbe semplicemente la fattispecie della mora del creditore, che, come noto, non libera il debitore dall’obbligazione. Nessuna sanzione è infatti prevista in caso di rifiuto di accettare il pagamento tramite carta di debito …”.

Dunque nessun obbligo ma solo un onere ed il “rischio” che il Cliente possa in qualche modo ritardare il pagamento della parcella assumendo di poter (o voler) pagare solo tramite carta di credito/debito quando il contratto di incarico professionale non preveda una diversa e specifica modalità per i pagamenti stessi. Nulla di grave se rapportato ai costi che solitamente richiede la dotazione di un POS e le commissioni applicate sulle transazioni...

Ad ogni buon conto offrire ai propri Clienti la possibilità del pagamento con carta rappresenta pur sempre un servizio di cui uno Studio moderno dovrebbe poter disporre a prescindere da un’imposizione di legge.

Qualche tempo fa, ancor prima che la questione POS salisse alla ribalta, aveva colto la mia attenzione l’offerta di payleven, un dispositivo mobile associato ad una app da installare sul proprio smartphone che consente di accettare pagamenti in mobilità senza alcun costo fisso: si acquista il dispositivo e si paga la sola commissione sulla transazione in caso di utilizzo.

Ebbene, obbligatorio si, obbligatorio no, quel dispositivo adesso l’ho acquistato.

Leggi tutto e commenta...

Ancora sulla questione POS: perchè non averlo comunque optando per una soluzione senza costi fissi? - 4.8 out of 5 based on 8 votes

Interruzione servizi Portale dei Servizi Telematici 11/07/2014

Pubblicato Mercoledì, 09 Luglio 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 912
Voti ricevuti:  / 0

09/07/14

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che a causa di improrogabili interventi di manutenzione, il sito web del Portale dei Servizi Telematici non sarà disponibile in data 11 luglio 2014, dalle ore 14 alle ore 18 circa.
Si precisa che saranno indisponibili i servizi di consultazione registri e pagamenti telematici.
Inoltre, saranno indisponibili i servizi di registrazione e consultazione del Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE).
Tali servizi saranno indisponibili anche attraverso i Punti di Accesso o software specifici.

Leggi l'articolo originale Interruzione servizi Portale dei Servizi Telematici 11/07/2014

Processo telematico – Date aggiornamento specifiche tecniche deposito atti e Pubblicazione nuova versione documentazione sui servizi web

Pubblicato Venerdì, 04 Luglio 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 966
Voti ricevuti:  / 0

04/07/14

Con riferimento alla news del 25/06/2014, si comunicano le date in cui i sistemi degli uffici giudiziari di produzione risulteranno aggiornati: il giorno 28/07/2014 ad eccezione del distretto giudiziario di Milano il cui aggiornamento è previsto il giorno 14/07/2014.

Il Portale dei Servizi Telematici informa inoltre che è stata pubblicata la nuova versione della Documentazione sui servizi web esposti dal Ministero, disponibile a questo link, che rende disponibile alle software house la consultazione del Registro Generale degli Indirizzi Elettronici e descrive i nuovi criteri di consultazione “ComunicazioneCancelleria”, “DettaglioComunicazione” e “NotificheDaRitirare” (quest’ultima interrogazione è stata aggiunta sul registro mancante del Giudice di Pace).

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che il sistema di Model Office è stato già predisposto e quindi disponibile per eseguire test al fine di accertarsi dell’idoneità degli strumenti informatici realizzati e messi a disposizione dei professionisti.

Leggi l'articolo originale Processo telematico – Date aggiornamento specifiche tecniche deposito atti e Pubblicazione nuova versione documentazione sui servizi web

Pagamenti telematici indisponibile il canale di Poste Italiane dalle ore 17 alle ore 20 del 01/07/2014

Pubblicato Martedì, 01 Luglio 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 894
Voti ricevuti:  / 0

01/07/14

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che il giorno 1 luglio 2014, non sarà possibile effettuare pagamenti telematici con il sistema di Poste Italiane dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Leggi l'articolo originale Pagamenti telematici indisponibile il canale di Poste Italiane dalle ore 17 alle ore 20 del 01/07/2014

Codifica beni mobili

Pubblicato Mercoledì, 25 Giugno 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 977
Voti ricevuti:  / 0

25/06/14

Con riferimento al servizio Deposito telematico, si riporta nella pagina dei file ufficiali del processo civile telematico la codifica dei valori dei beni mobiliari da utilizzare nella trasmissione telematica di atti relativi alle esecuzioni individuali e procedure concorsuali.

Leggi l'articolo originale Codifica beni mobili


Sostieni SLpct!

un piccolo contributo per un grande redattore

Quanto vuoi donare?

Ultimi articoli creati dagli utenti:

I 5 articoli più letti:

Argomenti caldi sul Forum...