Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
feed-image Il Blog "aperto" scritto dai suoi lettori...

Cassazione il conservatore accreditato di documenti è affidabile “di default” – di Francesco Minazzi

Pubblicato Martedì, 25 Luglio 2017 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 267
Voti ricevuti:  / 0

La Cassazione pone le basi di un nuovo orientamento interpretativo: l’affidabilità intrinseca del conservatore accreditato. Ma dando così alto valore all’accreditamento, rischia di indurre i titolari di documenti a rivolgersi esclusivamente a conservatori accreditati, alimentando una distorsione del mercato

Sempre più frequentemente negli ultimi anni i Tribunali italiani si trovano ad affrontare una variegata casistica di vicende legate all’uso delle nuove tecnologie.

E’ un’evoluzione naturale, dato che – chiaramente – l’informatica è diventata pervasiva nella vita quotidiana, nei traffici commerciali e giuridici, nonché nell’amministrazione pubblica.

Nonostante la digitalizzazione proceda con lentezza – soprattutto nel settore pubblico – e sia veicolata, per lo più, da imposizioni normative, come nel caso della fatturazione elettronica o del processo telematico, non può certo negarsi la forte espansione del settore privato.

Di conseguenza, è scontato che aumenti anche la facilità con cui i processi giudiziari debbono confrontarsi con l’information technology.

Recentemente, il più alto consesso giudiziario italiano – la Cassazione – si è trovata a giudicare, per la prima volta, circa la validazione temporale (e indirettamente circa la conservazione digitale) dei documenti informatici, tema di cui si è già parlato in queste pagine proprio in riferimento al lavoro giudiziale degli avvocati.

Il caso

La decisione (sent., 23.05.2017, n. 12939) trae origine da una procedura concorsuale: per la precisione, dall’opposizione allo stato passivo di un fallimento, presentata da un creditore, il quale aveva depositato nel processo dei contratti di leasing sotto forma di documenti informatici, la cui data certa veniva certificata mediante apposizione di marca temporale da parte di un certificatore accreditato.

Il Tribunale, per ben due volte, respinge le opposizioni: la seconda volta, arriva ad affermare un onere della prova, gravante sul creditore, il quale sarebbe chiamato a dimostrare la conformità dell’operazione di digitalizzazione dei documenti alle regole tecniche in materia di generazione delle firme digitali e validazione temporale dei documenti informatici.

La Corte di Cassazione, tuttavia, ribalta la decisione, mostrandosi di tutt’altro avviso.

Infatti, il Tribunale fallimentare aveva ritenuto onere del creditore dimostrare il rispetto delle suddette regole tecniche da parte del certificatore – senza precisare, peraltro, quale legge o provvedimento imponesse un simile dovere.

Non è esplicitamente addossato, infatti, al titolare del documento digitale alcun onere probatorio di questo tipo: come sottolineato dalla Suprema Corte, si applica, invece, una presunzione di conformità delle attività compiute dal certificatore accreditato alle predette regole tecniche (peraltro, la Corte richiama le “vecchie” regole tecniche, di cui al DPCM 30.03.2009, ora sostituito dal DPCM 13.11.2014).

In sostanza, la Cassazione afferma implicitamente che, se un soggetto ha ricevuto un accreditamento istituzionale come certificatore, l’esame cui è sottoposto dovrebbe fornire idonee garanzie circa il rispetto delle pertinenti regole tecniche da parte di tale soggetto.

Al contrario, l’onere di provare la violazione della suddetta normativa tecnica spetta a chi intenda contestare che, nel caso concreto, la conformità non sussiste.

Per tale motivo, la Corte accoglie il ricorso e deve essere apprezzata la concisione e semplicità con cui la sentenza affronta il tema, spesso considerato ostico dagli operatori.

Continua a leggere su Agenda Digitale

L'articolo Cassazione, il conservatore accreditato di documenti è affidabile “di default” – di Francesco Minazzi proviene da Centro Studi Processo Telematico.

Continua a leggere sul sito del CSPT Cassazione il conservatore accreditato di documenti è affidabile “di default” – di Francesco Minazzi

Leggi tutto e commenta...

Pubblicazione dei manuali utente relativi al Portale delle vendite pubbliche ed alle vendite telematiche

Pubblicato Mercoledì, 12 Luglio 2017 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 945
Voti ricevuti:  / 0

12/07/17

Il Portale dei Servizi Telematici informa che sono stati pubblicati nella sezione “Portale delle Vendite Pubbliche” dell’area documentale del Portale dei Servizi Telematici i seguenti documenti:

il manuale utente per l’inserimento e la gestione degli Avvisi di Vendita (reperibile al link) il manuale utente per la presentazione dell’Offerta Telematica (reperibile al link)

Leggi l'articolo originale Pubblicazione dei manuali utente relativi al Portale delle vendite pubbliche ed alle vendite telematiche

Leggi tutto e commenta...

Interruzione dei servizi informatici del settore civile per l’installazione di modifiche evolutive migliorative e correttive – Luglio 2017

Pubblicato Mercoledì, 12 Luglio 2017 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 1465
Voti ricevuti:  / 0

12/07/17

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che, al fine di consentire l’aggiornamento di talune funzionalità dei sistemi, a partire dalle ore 17.00 del 14 luglio 2017, saranno resi indisponibili tutti i servizi informatici del settore civile ed, in particolare:

La consultazione e l’implementazione dei registri di cancelleria; L’aggiornamento (anche da fuori ufficio) della consolle del magistrato; Il deposito telematico di atti e provvedimenti da parte dei magistrati; Tutte le funzionalità del portale dei servizi telematici; Tutte le funzioni di consultazione da parte dei soggetti abilitati esterni; I pagamenti telematici.

Rimarranno attivi i servizi di posta elettronica certificata e sarà, quindi, possibile il deposito telematico da parte degli avvocati, dei professionisti e degli altri soggetti abilitati esterni anche se i messaggi relativi agli esiti dei controlli automatici potrebbero pervenire solo al riavvio definitivo di tutti i sistemi.

Attenzione!!! Il riavvio dei sistemi è previsto a partire dalle ore 24.00 del 15 luglio 2017 e sino, al massimo, alle ore 8.00 del 17 luglio 2017.

Leggi l'articolo originale Interruzione dei servizi informatici del settore civile per l’installazione di modifiche evolutive migliorative e correttive – Luglio 2017

Leggi tutto e commenta...

Il Codice del PCT commentato

Pubblicato Venerdì, 07 Luglio 2017 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 488
Voti ricevuti:  / 0

A cura dei soci avv. Luca Sileni e avv. Nicola Gargano, Giuffrè editore

Il volume si propone di trasferire su carta le esperienze acquisite dagli autori nell’ambito del Processo Civile Telematico, il tutto redigendo quello che rappresenta – a tutt’oggi – il formato editoriale più utilizzato dall’Avvocato, ossia, il codice commentato. Non una classica guida pratica ma un testo unico di facile consultazione in grado di garantire al giurista del terzo millennio un approccio immediato alla normativa del PCT e alle leggi speciali che direttamente o indirettamente si intersecano con esso, commentate con dottrina e giurisprudenza. Completano l’opera le circolari maggiormente rappresentative ed un elenco della normativa prodromica, nonchè l’indicazione di riferimenti incrociati ed un breve formulario del PCT.

Clicca qui per acquistare

L'articolo Il Codice del PCT commentato proviene da Centro Studi Processo Telematico.

Continua a leggere sul sito del CSPT Il Codice del PCT commentato

Leggi tutto e commenta...

Trasmissione a mezzo PEC dell’istanza di mediazione

Pubblicato Domenica, 02 Luglio 2017 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 337
Voti ricevuti:  / 0

Sono opponente in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo avente ad oggetto una materia assoggettata obbligatoriamente a mediazione. Il Giudice dopo aver sciolto la riserva sull’istanza di p.e. del d.i.o. ha assegnato il termine di rito (15 giorni) per la presentazione dell’istanza di mediazione. A pena di improcedibilità dell’opposizione è mio onere attivare il procedimento di mediazione. Si tratta di un Tribunale abbastanza lontano ed inoltre la mia cliente è una società e ci vorrà qualche giorno per acquisire la relativa procura. Ci sarebbe qualche difficoltà e bisogna essere estremamente celeri per la presentazione cartacea dell’istanza, tenuto conto che occorre rimetterla per posta al collega domiciliatario e sperando che non ci siano degli imprevisti. Ho verificato che l’Organismo di mediazione è istituito presso l’Ordine degli Avvocati di tale Tribunale. Ho acquisito il relativo Regolamento che nulla prevede in merito alle modalità di presentazione dell’istanza a mezzo p.e.c.. Ho contattato telefonicamente la Segreteria del medesimo Organismo per acquisire informazioni. Mi hanno detto che è possibile rimettere l’istanza di mediazione anche a mezzo p.e.c. e che la stessa viene acquisita al protocollo entro il giorno successivo con immediato loro messaggio p.e.c. con numero di protocollo e data di acquisizione allo stesso. La L. 28/2010 nulla prevede al riguardo. Trattandosi di una pratica di un certa rilevanza economica, desidererei essere tranquillo e non espormi ad eventuali eccezioni.

A Tuo avviso – in una situazione siffatta (omessa previsione della normativa di rango primario e di quella regolamentare) – : 1.     la trasmissione a mezzo p.e.c., sulla scorta della normativa del settore digitale-informatico (C.A.D. ecc.), è comunque ammissibile? 2.     è opportuno che l’istanza venga inviata con due files, di cui uno firmato digitalmente?

E’ certamente possibile l’invio della PEC a norma dell’art. 48 del CAD. Cordiali saluti,

Servizio HelpCSPT

L'articolo Trasmissione a mezzo PEC dell’istanza di mediazione proviene da Centro Studi Processo Telematico.

Continua a leggere sul sito del CSPT Trasmissione a mezzo PEC dell’istanza di mediazione

Leggi tutto e commenta...


Sostieni SLpct!

un piccolo contributo per un grande redattore

Quanto vuoi donare?

All'obbligatorietà della fatturazione elettronica B2B mancano ancora... 194 giorni

Ultimi articoli creati dagli utenti:

I 5 articoli più letti:

Argomenti caldi sul Forum...