Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
feed-image Il Blog "aperto" scritto dai suoi lettori...

Riattivazione servizio pagamenti telematici

Pubblicato Giovedì, 27 Novembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 538
Voti ricevuti:  / 0

27/11/14

Il Portale dei Servizi Telematici informa che il servizio di pagamento telematico è stato riattivato.

Leggi l'articolo originale Riattivazione servizio pagamenti telematici

Sospensione servizio pagamenti telematici

Pubblicato Mercoledì, 26 Novembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 501
Voti ricevuti:  / 0

26/11/14

Il Portale dei Servizi Telematici informa che per problemi tecnici in via di risoluzione il servizio di pagamento telematico non è disponibile. Sarà dato avviso della riattivazione.

Leggi l'articolo originale Sospensione servizio pagamenti telematici

Nuovo aggiornamento per la Guida Galattica per Giuristi Telematici: la guida teorico-pratica al processo civile telematico

Pubblicato Giovedì, 20 Novembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 11288
Voti ricevuti:  / 32

Guida Galattica per Giuristi Telematici

Il 31 dicembre è ormai vicinissimo e come tutti sanno o dovrebbero sapere, con il 2015 scatterà l'obbligo di deposito telematico per tutti gli atti endoprocedimentali anche in relazione ai procedimenti iscritti al ruolo prima del 30 giugno 2014.

E' quindi imperativo, per chiunque voglia continuare a lavorare, avere ben chiaro cosa sia il Processo Civile Telematico e padroneggiare strumenti quali la PEC e la firma digitale.

Il Collega Luca Sileni, referente informatico per il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Grosseto, ha appena rilasciato la versione 2.1 della sua apprezzatissima Guida Galattica per Giuristi Telematici aggiornata alla Legge n. 162 del 10 novembre 2014.

Leggi tutto e commenta...

Nuovo aggiornamento per la Guida Galattica per Giuristi Telematici: la guida teorico-pratica al processo civile telematico - 5.0 out of 5 based on 32 votes

UE vs Google: il dibattito sul diritto all'oblio

Pubblicato Mercoledì, 19 Novembre 2014 da Avv. Claudio Pantaleo - Avvocati Italia    Categoria: News    Visite: 1466
Voti ricevuti:  / 2

L’Unione Europea e i diritti dei suoi cittadini contro lo strapotere dei colossi del web statunitensi, Google su tutti. Il diritto alla privacy e all’oblio contro il diritto all’informazione. È una questione molto delicata e molto accesa, soprattutto dopo la sentenza della Corte di Giustizia del maggio scorso che ha tentato di dare una regolamentazione al cosiddetto “diritto all’oblio”.

Google ha amplificato enormemente l’accesso alle informazioni in tutto il mondo e su tutti gli individui presenti sul web, a volte oltrepassando il limite tra privacy e libertà di informazione. In particolare per quanto riguarda i dati sensibili, è sempre più forte la richiesta di una regolamentazione e di una limitazione delle informazioni presenti sui motori di ricerca per non ledere la privacy dei cittadini e la loro reputazione.

Si pensi ad esempio al caso delle condanne. Una persona può essere condannata in primo grado e poi essere assolta, oppure può essere condannata in via definitiva, scontare la sua pena e poi ripulire col tempo la sua fedina e riabilitare la sua reputazione nella società. Per una persona che si trova in questa circostanza, viene rispettato il diritto all’oblio? Attualmente no, perchè l’informazione relativa alla condanna, che si tratti di personaggio noto oppure no, rimane sempre reperibile sui motori di ricerca.

L’Unione Europea sta cercando di rivendicare la sua sovranità sui diritti dei suoi cittadini, ponendo un freno ai motori di ricerca, ma solo con accordi internazionali è possibile giungere a una regolamentazione condivisa. In questo articolo ho tentato di esporre una possibile soluzione in difesa del diritto all’oblio degli internauti.

UE vs Google: il dibattito sul diritto all'oblio - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Avviata da ottobre la fase sperimentale del PCT presso la Corte d'Appello di Firenze

Pubblicato Mercoledì, 19 Novembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 1394
Voti ricevuti:  / 0

La Corte d'Appello di Firenze ha avviato, già dallo scorso 1 ottobre, la fase di sperimentazione concernente l'invio telematico da parte degli avvocati degli atti difensivi endoprocedimentali limitatamente, allo stato, alle comparse conclusionali ed alle memorie di replica di cui all'art. 352 c.p.c.

La fase sperimentale è caratterizzata dal cosiddetto "doppio binario", ovvero al deposito telematico deve necessariamente unirsi il deposito cartaceo, peraltro l'unico ad avere valore legale: dunque ai fini della tempestività del deposito dovrà farsi riferimento al solo deposito cartaceo non essendo, durante la fase sperimentale, il deposito telematico sostitutivo di quello cartaceo.

Leggi tutto e commenta...


Sostieni SLpct!

un piccolo contributo per un grande redattore

Quanto vuoi donare?

All'obbligatorietà della fatturazione elettronica B2B mancano ancora... 161 giorni

Ultimi articoli creati dagli utenti:

I 5 articoli più letti:

Argomenti caldi sul Forum...