Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
feed-image Il Blog "aperto" scritto dai suoi lettori...

Il termine per la riassunzione del giudizio interrotto per effetto del fallimento decorre dalla data di trasmissione, a mezzo PEC, della domanda di ammissione al passivo se questa reca notizia del procedimento sul quale l’evento interruttivo ha inciso

Pubblicato Giovedì, 10 Maggio 2018 da Morena    Categoria: Professione avvocato    Visite: 626
Voti ricevuti:  / 2

Con la sentenza in commento, la Suprema Corte ha enunciato il seguente principio di diritto: la dichiarazione di fallimento di una delle parti determina l'automatica interruzione del processo, con termine trimestrale per la sua riassunzione decorrente dalla data della conoscenza legale dell'evento, che ne ha causato l’interruzione estesa, per la curatela fallimentare, anche alla conoscenza della pendenza del processo. Tale conoscenza legale deve essere acquisita non in via di mero fatto, ma per il tramite di una dichiarazione, notificazione o certificazione rappresentativa dell'evento assistita da fede privilegiata, senza che abbia alcuna efficacia, a tal fine, il momento nel quale venga adottato e conosciuto il provvedimento giudiziale dichiarativo dell'intervenuta interruzione, avente natura meramente ricognitiva. Idonea a determinare la conoscenza legale della pendenza del giudizio interrotto a causa del fallimento, per il curatore, è l’istanza di ammissione al passivo a quest’ultimo trasmessa a mezzo PEC e recante il riferimento, quanto al titolo giustificativo dei crediti invocati, al procedimento interrotto.

Leggi tutto e commenta...

Il termine per la riassunzione del giudizio interrotto per effetto del fallimento decorre dalla data di trasmissione, a mezzo PEC, della domanda di ammissione al passivo se questa reca notizia del procedimento sul quale l’evento interruttivo ha inciso - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Obbligo aste telematiche e portale vendite pubbliche che c’è da sapere – di Riccardo Berti e Leonardo Scinto

Pubblicato Giovedì, 03 Maggio 2018 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 767
Voti ricevuti:  / 0

Dal 10 luglio è scattato l’obbligo utilizzo di modalità telematiche per la vendita forzata immobiliare. Vediamo che significa, le conseguenze e le diverse criticità da affrontare adesso

La data del 10 aprile ha segnato un momento importante nell’evoluzione in senso digitale del mercato delle esecuzioni.

Da tale data è entrata in vigore la nuova formulazione dell’art. 569 co. 4 c.p.c., che ora impone, “salvo che sia pregiudizievole per gli interessi dei creditori o per il sollecito svolgimento della procedura”, l’utilizzo di modalità telematiche per la vendita forzata immobiliare.

Il 10 aprile sono infatti trascorsi 90 giorni dall’”accertamento della piena funzionalità del portale delle vendite pubbliche previsto dall’art. 161-quater delle disposizioni per l’attuazione del codice di procedura civile”, accertamento sancito dal Decreto Ministeriale del 5 dicembre 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 7 del 10-01-2018 e indicato come dies a quo per il calcolo del termine di entrata in vigore delle modifiche all’art. 569 c.p.c. dal D.L. 59/16, come convertito dalla L. 119/2016.

Continua a leggere sul sito del CSPT Obbligo aste telematiche e portale vendite pubbliche che c’è da sapere – di Riccardo Berti e Leonardo Scinto

Leggi tutto e commenta...

Portale delle Procedure Concorsuali - Interruzione temporanea del servizio

Pubblicato Lunedì, 23 Aprile 2018 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 769
Voti ricevuti:  / 0

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che il 24 aprile 2018, a partire dalle ore 13:00 e fino alle ore 17:00, saranno indisponibili i servizi del Portale delle Procedure Concorsuali causa attività di manutenzione programmate.

Leggi l'articolo originale Portale delle Procedure Concorsuali - Interruzione temporanea del servizio

Leggi tutto e commenta...

Pec quale validità nei processi che dice la giurisprudenza – di Monica Senor e Giuseppe Vitrani

Pubblicato Giovedì, 12 Aprile 2018 da Diritto Pratico    Categoria: Processo telematico    Visite: 781
Voti ricevuti:  / 0

Alcune sentenze della Corte di Cassazione sollevano perplessità e preoccupazione poiché denotano scarsa consapevolezza del funzionamento della PEC, mancanza di curiosità verso le potenzialità dello strumento e rischiano di creare un vulnus al diritto di difesa. L’implementazione del sistema TIAP potrebbe essere la svolta

Negli ultimi tempi alcune sentenze della Corte di Cassazione penale hanno riacceso la necessità di chiarire le garanzie che la PEC è in grado di offrire in termini di integrità del messaggio e dei suoi allegati.

Continua a leggere sul sito del CSPT Pec quale validità nei processi che dice la giurisprudenza – di Monica Senor e Giuseppe Vitrani

Leggi tutto e commenta...

Distretto civile di Roma

Pubblicato Giovedì, 05 Aprile 2018 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 817
Voti ricevuti:  / 0

Si segnala che, per interventi di manutenzione sui sistemi di consultazione al pubblico del distretto civile di Roma, potrebbero aversi rallentamenti nella consultazione.

I sistemi distrettuali saranno resi nuovamente disponibili per le ore 12,30 di oggi.

Leggi l'articolo originale Distretto civile di Roma

Leggi tutto e commenta...


Sostieni SLpct!

un piccolo contributo per un grande redattore

Quanto vuoi donare?

All'obbligatorietà della fatturazione elettronica B2B mancano ancora... 68 giorni

Ultimi articoli creati dagli utenti:

I 5 articoli più letti:

Argomenti caldi sul Forum...