Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: ERRORE SU RINVIO UDIENZA DI PRIMA COMPARIZIONE

ERRORE SU RINVIO UDIENZA DI PRIMA COMPARIZIONE 6 Mesi 2 Giorni fa #3049

  • FASCICOLO TELEMATICO
  • Avatar di FASCICOLO TELEMATICO
Salve a tutti,
sono in procinto di redigere la comparsa conclusionale relativa a una causa in cui il Giudice non mi ha autorizzato la chiamata di terzo per costituzione tardiva (ovviamente io sono il convenuto), avendo depositato la comparsa di risposta 20 giorni prima dell'udienza rinviata, a quanto pare, d'ufficio dalla cancelleria e non con provvedimento del Giudice ex art. 168 bis 5 co, come da me ritenuto.
In pratica, come noto, io avrei dovuto tener presente la data indicata nell'atto di citazione e non quella di mero rinvio d'ufficio.
Il problema, che ho però segnalato sin dall'inizio al Giudice e che vorrei risottolineare, ad ogni buon conto, anche nella conclusionale, è che il dettaglio del fascicolo in via telematica (ossia le indicazionei fornite dalla cancelleria e che io, non ancora parte costituita, potevo verificare solo con accesso pubblico) induceva a pensare che il rinvio fosse stato deciso dal Giudice. Veniva infatti riportata la data dell'udienza indicata nell'atto di citazione (28.7.2016) e la data "della prossima udienza"(8.9.2016), con indicazione in data 3.6 di "assegnazione a sezione" e poi di "designazione giudice con fissazione prima udienza".
Mi sono dunque costituito in cancelleria 20 giorni prima dell'8.9 (che, comunque, visto il periodo feriale, cadeva il 19 luglio) perchè mi appariva chiaro che era il Giudice ad aver fissato il rinvio.
Mi è stato detto, ma solo in seguito, che "ormai tutti i rinvii vengono fatti d'ufficio" e che non esistono biglietti di cancelleria , almeno presso quel Tribunale.
Ritengo però che, vista l'importante decadenza in cui sono incorso per tale superficialità, le indicazioni date per via telematica non debbono dar adito a dubbi e ricordo di aver letto da qualche parte che vi sono prassi e/o indicazioni fornite dai Tribunali affinché la descrizione ed il dettaglio del fascicolo in via telematica sia sempre chiara e non generi dubbi di questo tipo; nello specifico, veniva proprio detto che, al fine di tutelare gli interessi delle parti, dovesse essere chiaramente indicato se il rinvio fosse d'ufficio o del Giudice.
Purtroppo non riesco a risalire alla fonte. Qualcuno ha notizie utili da fornirmi in merito? Non esistono prassi o anche indicazioni generiche fornite ai vari uffici che possano aiutarmi in questo frangente?
Per me sarebbe davvero importante e ringrazio sin d'ora chi vorrà gentilmente rispondermi... Vi prego, fatelo!!!
Tempo creazione pagina: 0.089 secondi
Powered by Forum Kunena