Directory dei Professionisti Italiani sul Web
diritto pratico
feed-image Il Blog "aperto" scritto dai suoi lettori...

Interruzione servizi Portale dei Servizi Telematici 12/09/2014

Pubblicato Mercoledì, 10 Settembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 403
Voti ricevuti:  / 0

10/09/14

Il Portale dei Servizi Telematici comunica che a causa di improrogabili interventi di manutenzione, il sito web del Portale dei Servizi Telematici non sarà disponibile in data 12 settembre 2014, dalle ore 14 alle ore 18 circa.

Leggi l'articolo originale Interruzione servizi Portale dei Servizi Telematici 12/09/2014

Il wiki sempre a portata di mano con la toolbar di Diritto Pratico (AGGIORNAMENTO SETTEMBRE 2014)

Pubblicato Lunedì, 01 Settembre 2014 da Diritto Pratico    Categoria: Utilities e Software    Visite: 5485
Voti ricevuti:  / 8

toolbar

Per rendere più semplice e pratica la ricerca degli uffici giudiziari in base alla competenza territoriale, articoli dei quattro codici o degli altri testi normativi raccolti su wiki, è da qualche tempo disponibile la toolbar di Diritto Pratico.

Installabile come semplice estensione per Firefox o Internet Explorer, la toolbar di Diritto Pratico non è invasiva, si aggiorna automaticamente e può essere facilmente rimossa senza lasciare tracce e “sporcare” il sistema.

Oltre a consentire ricerche dirette sul wiki (ad esempio per vedere al volo l’art. x del codice civile o verificare se il Tribunale y permette il deposito in via telematica dei ricorsi per decreto ingiuntivo), la toolbar di Diritto Pratico mantiene a portata di mouse, durante la normale navigazione, il motore di ricerca giuridica e i link a servizi di frequente consultazione per l’avvocato come l’accesso diretto alla ricerca imprese sul registro INI-PEC, il rintraccio delle spedizioni postali, la tassazione degli atti giudiziari, calcolo notula civile, penale ecc.

NOVITA': Con l'ultimo aggiornamento la toolbar consente di cercare/creare direttamente le note di udienza e accedere al proprio account Mighty Text (per gestire comodamente via pc la messaggistica SMS con un telefono android).

Guarda il video (riferito però alla verisione precedente) e per installarla segui questo link.

Puoi segnalare nuovi servizi da includere commentando questo articolo o modificando la specifica pagina sul wiki.

Il wiki sempre a portata di mano con la toolbar di Diritto Pratico (AGGIORNAMENTO SETTEMBRE 2014) - 5.0 out of 5 based on 8 votes

Uno scanner compatto e facile da usare per la postazione telematica dell'avvocato 2.0. Anche in mobilità!

Pubblicato Domenica, 03 Agosto 2014 da Claudio De Stasio    Categoria: Hardware e dispositivi    Visite: 6615
Voti ricevuti:  / 12

Canon P215Con l’avvento del PCT poter contare su uno scanner dotato di ADF fronte/retro non è più un lusso ma una vera e propria necessità.

In un ambiente multiutente la soluzione più ovvia è disporre di uno scanner di rete veloce e opportunamente configurato per acquisire direttamente, con la semplice pressione di un tasto, qualsiasi documento che dovrà essere trasformato automaticamente in PDF (magari PDF/A) e registrato su una cartella condivisa/personale senza necessità di avviare software specifici (se non per esigenze di “post produzione” come ad esempio unire, dividere, ruotare i pdf o ridurne le dimensioni).

Uno scanner di rete condiviso presenta tuttavia lo svantaggio di essere, appunto, “condiviso”: probabilmente per raggiungerlo sarà necessario uscire dalla propria stanza o avvalersi della collaborazione di qualcuno. Se poi nello Studio lavorano più professionisti sarà opportuno che i lavori di scansione siano dalla macchina “consegnati” all’effettivo richiedente e non potenzialmente visibili a tutti.

Da qui l’utilità (o la semplice comodità) di affiancare allo scanner di rete (che necessariamente dovrà essere dimensionato, per prestazioni e funzionalità, alle effettive esigenze del gruppo di lavoro) uno scanner “personale”, più piccolo e sempre “pronto” sulla propria scrivania.

Leggi tutto e commenta...

Uno scanner compatto e facile da usare per la postazione telematica dell'avvocato 2.0. Anche in mobilità! - 5.0 out of 5 based on 12 votes

Processo telematico – Documentazione sui servizi web pubblicata nuova versione

Pubblicato Venerdì, 01 Agosto 2014 da Diritto Pratico    Categoria: News    Visite: 486
Voti ricevuti:  / 0

01/08/14

Il Portale dei Servizi Telematici informa che è stata pubblicata la nuova versione della Documentazione sui servizi web esposti dal Ministero, disponibile a questo link, i cui WSDL sono stati aggiornati per risolvere un’anomalia rilevata in fase di deserializzazione della risposta ottenuta richiamando i servizi di interrogazione ReGIndE.

Leggi l'articolo originale Processo telematico – Documentazione sui servizi web pubblicata nuova versione

Ancora sulla questione POS: perchè non averlo comunque optando per una soluzione senza costi fissi?

Pubblicato Sabato, 19 Luglio 2014 da Claudio De Stasio    Categoria: Hardware e dispositivi    Visite: 3320
Voti ricevuti:  / 8

Chip&PINSulla presunta “obbligatorietà” per i professionisti di dotarsi di dispositivo POS si è detto e sentito di tutto.

Con circolare 20 maggio 2014 il Consiglio Nazionale Forense ha chiarito che l’art. 15 comma 4 del DL 179-2012 (decreto sviluppo bis), “… non stabilisce affatto che tutti i professionisti debbano dotarsi di POS, né che tutti i pagamenti indirizzati agli avvocati dovranno essere effettuati in questo modo a partire dalla data indicata, ma solo che, nel caso il cliente voglia pagare con una carta di debito, il professionista sia tenuto ad accettare tale forma di pagamento. In altre parole, salvi i limiti vigenti nell’ordinamento (perché previsti da altre fonti; si pensi ad esempio al divieto di pagamento in contanti oltre la soglia di mille euro, previsto dalla normativa antiriciclaggio, espressamente richiamata dalla disposizione in commento; cfr. art. 49 D.Lgs. 231/2007), la volontà della parti del contratto d’opera professionale (cliente ed avvocato) resta ancora il riferimento principale per la individuazione delle forme di pagamento. Ad esempio, i clienti che sono soliti effettuare i pagamenti tramite assegno o bonifico bancario potranno continuare a farlo. A ben vedere, dunque, la disposizione in parola introduce un onere, piuttosto che un obbligo giuridico, ed il suo campo di applicazione è necessariamente limitato ai casi nei quali saranno i clienti a richiedere all’avvocato di potersi liberare dall’obbligazione pecuniaria a proprio carico per il tramite di carta di debito. Ipotesi che, considerate le prassi in uso nei fori, per molti colleghi potrebbe anche non verificarsi mai. In ogni caso, qualora il cliente dovesse effettivamente richiedere di effettuare il pagamento tramite carta di debito, e l’avvocato ne fosse sprovvisto, si determinerebbe semplicemente la fattispecie della mora del creditore, che, come noto, non libera il debitore dall’obbligazione. Nessuna sanzione è infatti prevista in caso di rifiuto di accettare il pagamento tramite carta di debito …”.

Dunque nessun obbligo ma solo un onere ed il “rischio” che il Cliente possa in qualche modo ritardare il pagamento della parcella assumendo di poter (o voler) pagare solo tramite carta di credito/debito quando il contratto di incarico professionale non preveda una diversa e specifica modalità per i pagamenti stessi. Nulla di grave se rapportato ai costi che solitamente richiede la dotazione di un POS e le commissioni applicate sulle transazioni...

Ad ogni buon conto offrire ai propri Clienti la possibilità del pagamento con carta rappresenta pur sempre un servizio di cui uno Studio moderno dovrebbe poter disporre a prescindere da un’imposizione di legge.

Qualche tempo fa, ancor prima che la questione POS salisse alla ribalta, aveva colto la mia attenzione l’offerta di payleven, un dispositivo mobile associato ad una app da installare sul proprio smartphone che consente di accettare pagamenti in mobilità senza alcun costo fisso: si acquista il dispositivo e si paga la sola commissione sulla transazione in caso di utilizzo.

Ebbene, obbligatorio si, obbligatorio no, quel dispositivo adesso l’ho acquistato.

Leggi tutto e commenta...

Ancora sulla questione POS: perchè non averlo comunque optando per una soluzione senza costi fissi? - 4.8 out of 5 based on 8 votes

Sostieni SLpct!

un piccolo contributo per un grande redattore

Quanto vuoi donare?

Ultimi articoli creati dagli utenti:

I 5 articoli più letti:

Argomenti caldi sul Forum...